Myself

Gavettoni

In questi giorni in giro si vedono gruppi scomposti di ragazzi, giovani, poco più che bambini, rincorrersi per le strade. Le loro armi sono fucili ad acqua, secchi, palloncini, sorrisi e urla. Guardandoli vorrei sentirmi infastidita, vorrei essere superiore e invece li invidio profondamente.

Oggi di circa 15 anni fa ero come loro, correvo per strada alla ricerca frenetica di una fontana dove ricaricare le mie cartucce.

Oggi di circa 15 anni fa avevo davanti un ragazzino, biondo, magro, strafottente. Lui armato di un pallone pieno di acqua, pronto per finire addosso a me, inerme davanti a quell’amore che non ti spieghi e che non ti spiegherai mai. E così l’ho preso tutto in faccia quel pallone pieno di acqua, di sentimenti, di domande, di speranze. E quando ci ripenso il desiderio è di avere davanti quella faccia spensierata e di ricevere di nuovo un palloncino pieno d’amore travestito d’acqua.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...